Reshoring? Fine della globalizzazione? Tra illusioni di un ritorno al passato e il sogno di un futuro più produttivo

20 06 14

Daniele Langiu, daniele.langiu@gmail.com

Fabio Sdogati, sdogati@mip.polimi.it

Introduzione

Il primo giugno scorso abbiamo pubblicato un articolo il cui obiettivo è stato contribuire ad identificare, e provare a valutare il merito delle, ragioni per cui un’impresa dovrebbe voler ribaltare la decisione precedentemente presa di internazionalizzare, in varie forme, i propri processi produttivi. Per capire le implicazioni del processo di reshoring, che abbiamo tradotto con rimpatrio, abbiamo brevemente descritto le forme di internazionalizzazione della produzione e, poi, analizzato le condizioni sotto le quali, in condizioni di mercato, cioè in assenza di sussidi, un’impresa che abbia internazionalizzato la propria produzione dovrebbe voler invertire la direzione.

L’impresa è stata l’oggetto della nostra analisi. La conclusione del nostro articolo è stata che, in condizioni di mercato, le imprese che hanno scelto di internazionalizzare la produzione non hanno un incentivo a rimpatriare le attività produttive precedentemente internazionalizzate, a meno che l’impresa stessa oppure un suo fornitore nel paese di origine non abbiano realizzato aumenti di produttività tali da diventare più competitivi dell’impresa presso cui l’attività è stata esternalizzata. Inoltre, le nostre riflessioni ci hanno portato a considerare che il rafforzamento del commercio regionale, che è bene chiarire non equivale a rimpatrio dell’attività, rispetto al commercio globale può ri-progettare le catene di approvvigionamento globali solo se le imprese coinvolte nella nelle filiere troveranno un modo più efficiente di specializzare le proprie attività produttive all’interno della regione. Di conseguenza, tanto regionalizzazione degli scambi che rimpatrio ci sembrano processi che risulterebbero inefficienti se non sono presenti le condizioni che permettono di sostenere costi di produzione al massimo uguali a quelli sostenuti se l’attività fosse svolta all’estero.

L’obiettivo di questo articolo è ora lasciare l’unità di analisi impresa per provare a rispondere principalmente a queste domande: perché il decisore di politica economica vorrebbe intervenire per rendere il processo di rimpatrio conveniente? E in che modo potrebbe farlo? Perché voler creare le condizioni per riportare nel paese un’attività che le imprese hanno scelto di internazionalizzare perché non hanno trovato sul mercato locale le condizioni che le permettessero di essere competitiva sul mercato internazionale?

Continue reading “Reshoring? Fine della globalizzazione? Tra illusioni di un ritorno al passato e il sogno di un futuro più produttivo”