Perché questa alluvione di liquidità?

Perché questa alluvione di liquidità?
Soltanto chi sa nuotare si salverà da questa crisi?

Perché i governi europei ci stanno imponendo questa recessione?
Abbiamo peccato ed ora dobbiamo espiare?

O ci sono altre ragioni?
Una storia di distribuzione del reddito, globalizzazione, rendite finanziarie

La crisi corrente fu rivelata per la prima volta al grande pubblico europeo il 9 agosto 2007, quando una grande banca convocò una conferenza stampa per comunicare che tre dei suoi fondi comuni di investimento non erano solventi. Il 2009 è l’anno in cui è stata registrata la peggior crisi degli ultimi 80 anni, quanto meno se misurata dal tasso di contrazione del prodotto interno lordo. La peggiore fino ad ora, perché sappiamo che il 2012 sarà pesante, ma non sappiamo ancora quanto.

Dal momento che chi scrive appartiene alla schiera, evidentemente in via di estinzione, di coloro che credono che le autorità di politica economica esistono per opporsi alle crisi e che stimolare l’economia (qualunque economia) è possibile, in questo lavoro ci si chiede perché le combinazioni di politica fiscale e monetaria adottate negli ultimi quattro anni abbiano avuto l’effetto di produrre una recessione in Europa e una crescita positiva ma tutto sommato modesta negli Usa.
L’indagine consente di verificare che, nella maggior parte dei paesi, combinazioni appropriate di politica monetaria e fiscale furono adottate soltanto nella seconda metà del 2008 e nella prima del 2009, e che da allora le misure di politica economica adottate nell’area euro in particolare non sono state dirette alla ripresa e alla crescita. Perché?

  1. Perché si è voluto imporre al popolo europeo una recessione tanto brutale? L’evoluzione della combinazione di politica fiscale e politica monetaria negli ultimi quattro anni e mezzo mostra che nel 2008 l’ipotesi di un rilancio dell’economia mediante lo stimolo fiscale era ancora un tema di discussione, ma che non lo è più stato da allora. In media i governi europei hanno adottato, e si sono impegnati ad adottare per il future prevedibile, politiche fiscali aggressivamente recessive; e la Banca Centrale Europea ha adottato una politica monetaria espansiva tanto quanto mai prima, nonostante abbia accumulato per anni evidenza empirica che le espansioni non hanno alcun effetto sull’economia reale, la produzione e il consumo, gli investimenti e le esportazioni.
  2. Attraverso quali canali l’enorme ammontare di liquidità immesso nel sistema bancario tornerà in rapporto con il settore reale dell’economia? In questo lavoro avanzo l’ipotesi che  la combinazione di immensi ammontari di liquidità detenuti dalle banche da un lato, e le politiche fiscali restrittive condotte prevalentemente attraverso tagli alle spese e miranti alla riduzione dei deficit e dei debiti pubblici sono condizioni necessarie e sufficienti a:
    • finanziare una massiccia ondata di privatizzazioni e vendita di patrimonio pubblico, apparentemente il solo modo in cui i governi europei sembrano riuscire ad immaginare una via di uscita dalla recessione;
    • accelerare il processo di formazione del capitale in paesi a basso reddito pro capite – i cosiddetti ‘paesi emergenti’, quelli cioè in grado di generare tassi di profitto sufficientemente alti da soddisfare la domanda di rendite finanziarie in Europa come, in generale, in paesi ad alto reddito pro capite.

Link al file

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s