Unione Europea, Regno Unito, Stati Uniti: una settimana spartiacque per la geopolitica

Dunque, venerdi 20 gli Stati Uniti avranno un nuovo presidente, e sarebbe stato bene scrivere un pezzo su questo, in particolare su cosa ci si possa aspettare dal discorso inaugurale durante il quale, si presume, il nuovo presidente farà annunci di indirizzo politico in tema di economia, integrazione, alleanze internazionali, ecc. Cosa aspettarsi? In particolare, che cosa aspettarsi sul piano dei rapporti economici internazionali, delle alleanze, dei compromessi? Ma questo pezzo deve uscire giovedi 19, e quindi debbo scrivere di avvenimenti rilevanti ‘in preparazione’ dell’insediamento.  

Per fortuna martedi 17 la primo ministro del Regno Unito ha presentato pubblicamente le sue idee su come ella intenda il brexit, così che da pensare ne abbiamo. Dico che ‘per fortuna’ Theresa May ha scelto il giorno 17, perché ella ha chiarito alcuni dei tanti quesiti che avevamo su cosa intendesse per ‘brexit’, il che si incastra bene con quello che il presidente eletto US ha detto proprio in questi giorni su brexit ed UE. Si vedrà come questa terza settimana di gennaio 2017 rappresenti una settimana-spartiacque nel modo in cui ci eravamo abituati a funzionare a livello geopolitico. And it don’t look good to me.

Continue reading “Unione Europea, Regno Unito, Stati Uniti: una settimana spartiacque per la geopolitica”

Uscire dall’euro? Ecco perché è la ‘fine del mondo’

Quando i grandi parlano, i meno grandi fanno bene a riflettere a lungo, prima di controbattere. Io credo di essere rimasto in silenzio, riflettendo, abbastanza a lungo prima di affrontare la recensione del libro di Joseph Stiglitz The Euro and its threat to the future of Europe. Allen Lane, Penguin Random House, 2016, recensione che ho impostato nel mio primo pezzo dello scorso 22 settembre dal titolo Non è l’Euro a minacciare l’Ue, ma i governi dei paesi membri. Un titolo il quale annuncia già una presa di distanza sostanziale dalla posizione di Stiglitz, secondo cui la minaccia viene invece proprio dall’Euro.

      Oggi articolo ulteriormente la mia posizione passando a parlare della tesi di Stiglitz secondo cui uno stato membro dell’Uem, popolarmente nota come ‘Area Euro’, può liberarsi dai vincoli mortali imposti dall’Euro, da solo o in alleandosi con paesi ‘simili’, ‘uscendo dall’Euro’.  La mia tesi è sinteticamente questa: sarebbe la fine del paese. Si noti che non parlo della fine dell’economia del paese, ma della fine del paese. Altri hanno affrontato il problema offrendo stime quantitative degli effetti potenziali della decisione; io mi asterrò dal fornirne, limitandomi a delineare gli scenari aperti dalla attuazione di una decisione di uscita. E siccome Stiglitz sembra pensare che tale uscita sia possibile anche per un solo paese, esempio ovvio la Grecia, parlerò di un solo paese che intenda uscire, e farò qualche riferimento al caso greco.
Continue reading “Uscire dall’euro? Ecco perché è la ‘fine del mondo’”

May, la Brexit e la brutta piega delle politiche del lavoro in UK

di Daniele Langiu e Fabio Sdogati

Premessa

Il 23 giugno 2016, il 52% dei votanti al referendum consultivo tenutosi in Gran Bretagna espresse la preferenza di abbandonare l’Unione Europea. La caratteristica di un referendum consultivo è quella di ‘sentire’ il parere popolare circa una determinata questione politica (in questo caso sull’uscita o meno dall’Unione Europea). La richiesta di un parere tramite questo tipo di referendum non è legalmente vincolante alla decisione successiva che verrà presa dal Governo. Ebbene chi (Cameron) ha ‘pianificato’ il referendum, ha anche deciso di non farsi carico di assecondare (o contraddire) l’opinione della maggioranza dei votanti. La scelta è stata lasciata al governo guidato da Theresa May.

Continue reading “May, la Brexit e la brutta piega delle politiche del lavoro in UK”

Non è l’euro a minacciare l’Ue, ma i governi dei paesi membri: ecco perché

Premessa

Fatico da settimane nel pensare a come affrontare la recensione del libro di Joseph Stiglitz The Euro and its threat to the future of Europe. Allen Lane, Penguin Random House, 2016. Ora penso di aver trovato il bandolo della matassa, ma non so quanto esserne soddisfatto. Vedremo. So che voglio parlare del rapporto tra Europa ed Euro avendo come riferimento la posizione di Stiglitz. Voglio parlare del rapporto tra i due, poiché essi sono due entità diverse non solo e non tanto perché all’Unione aderiscono 27 paesi e ad adottare l’Euro sono soltanto 19, bensì perché l’Unione precede l’Euro storicamente e logicamente. Il quesito principale è: che scopo serve l’Euro entro l’UE? Che ruolo ha nel processo di costruzione dell’Europa? Quesiti che ne rievocano un altro, IL quesito: perché abbiamo voluto l’Unione? Perché, nel processo di costruzione dell’Unione, abbiamo ritenuto che l’Euro fosse un passo avanti importante, forse decisivo? So bene che potrei fallire, ma spero che quello che sto per scrivere solleciti discussioni e critiche razionali tra le persone con cui mi interessa parlare, quelle appassionate d’Europa. Astenersi tutti gli altri, grazie.

Continue reading “Non è l’euro a minacciare l’Ue, ma i governi dei paesi membri: ecco perché”

A proposito di Apple, Irlanda, Regno unito, Brexit…..

Capita spesso che una cosa arcinota a chi studia l’economia internazionale, i modi di produrre e di scambiare, il divenire delle relazioni internazionali, salga improvvisamente alla ribalta della stampa quotidiana. L’attenzione dura qualche ora o al massimo qualche giorno, e poi la notizia ‘scompare’. Ma stavolta la notizia è veramente importante, e sarà bene dunque riprenderla e rifletterci sopra un poco. Che cosa è questa storia che la Commissione europea vuole che Apple paghi le tasse al governo irlandese, governo di un paese membro dell’Unione, tasse che il governo irlandese non vuole riscuotere!?

Continue reading “A proposito di Apple, Irlanda, Regno unito, Brexit…..”

Non lavorano, non studiano, non fanno formazione: il problema dei giovani NEET in Italia

Freedom son is a dirty shirt

sun on the face and shovel in the dirt

Bruce Springsteen Shackled and drawn

È di questi giorni la notizia che nel secondo trimestre di quest’anno il prodotto interno lordo in Italia è rimasto sui valori del primo trimestre. Certo quello francese non ha fatto meglio neanche di un pochino, e quello tedesco è cresciuto di uno striminzito 0,4%. Queste similarità non mi consolano affatto, come vorrebbero quelli del ‘mal comune, mezzo gaudio’; anzi, mi fanno temere che la stagnazione, che le vergini vestali del bilancio in pareggio hanno voluto e vogliono, si stia ormai radicando inesorabilmente in tutta Europa.

Continue reading “Non lavorano, non studiano, non fanno formazione: il problema dei giovani NEET in Italia”